Primo tatuaggio? Dubbi? Muori dalla voglia di tatuarti ma non sai da dove iniziare?

Ecco una piccola guida per addentrarti nel mondo del tatuaggio.

I tatuaggi accompagnano l’uomo sin dalla sua nascita, hanno rappresentato da sempre un simbolo molto forte per gli uomini. Siano essi magici, curativi, di appartenenza o rappresentativi di uno status in tutte le culture del mondo il tatuaggio ha sempre avuto un ruolo ed una storia nella società. Ad oggi molti si tatuano per il puro gusto di farlo, per avere qualcosa a cui sono legati o che piace moltissimo impressa per sempre sulla propria pelle. E dato che il “per sempre” è la caratteristica fondamentale del tatuaggio con questa piccola guida vogliamo aiutarvi a capire come entrare col piede giusto nel mondo dei tattoo.

Che tatuaggio mi faccio?

Non esiste una risposta universale a questa domanda proprio per la natura intima ed unica del tatuaggio. Quando scegliamo un soggetto dobbiamo pensare che rimarrà per sempre sulla nostra pelle ed è consigliabile quindi esserne convinti in tutto e per tutto prima di varcare la soglia di un tattoo shop. Ci si tatua per le più disparate ragioni ma prima di farlo bisogna essere lungimiranti e pensare alle conseguenze che questo potrebbe avere in futuro, prima di tutto con noi stessi.

Detto questo gli stili di tatuaggio sono molteplici e possono approssimativamente essere divisi in base alle caratteristiche che li contraddistinguono. Di seguito potete trovare gli esempi dei più diffusi:

TRADITIONAL

OLD SCHOOL

TRIBALE

GIAPPONESE

NEO TRADITIONAL

COLOR

BLACKWORK

LETTERING

DOTWORK

ORNAMENTAL / GEOMETRIC

NEW SCHOOL

WATER COLOR

SKETCH

REALISTICO

CHICANO

CARTOON

SKETCH

Come scegliere il tatuatore?

Ad oggi esistono sempre più tatuatori e sempre più persone si avvicinano a questa arte. Questa evoluzione da la disponibilità a chiunque di poter scegliere tra un gran numero di professionisti e numerosi stili diversi. Gli elementi che devono aiutarci a scegliere la persona a cui affidare la nostra pelle sono indubbiamente la tipologia di soggetti che tratta e lo stile in cui realizza le sue opere, e non da meno la pulizia dell’ambiente nella quale opera e l’utilizzo di materiali sterili e/o monouso. È fondamentale ricordarsi che il tatuaggio è comunque un’opera invasiva per la nostra pelle e che se non è realizzato attenendosi scrupolosamente alle norme igenico sanitarie può dare luogo a problemi ed infezioni. Sconsigliamo di affidarsi a chi lavora in casa, a chi è alle prime armi e a chi fa prezzi bassi; come in molti altri ambiti anche nel tatuaggio la qualità e l’esperienza si pagano ed è sconsigliabile di risparmiare su un”opera che rimarrà per sempre incisa sul nostro corpo.

Quali sono gli strumenti usati?

Anche se la stragrande maggioranza dei tatuaggi viene realizzata con la macchinetta, esistono tipologie di tattoo che comprendono l’uso di strumenti tipici come ad esempio nel caso del Tebori per quanto riguarda il tatuaggio tradizionale giapponese. Gli strumenti solitamente usati sono:

  • Macchinetta 
  • Strumenti tradizionali come: bacchette, martelletti, ecc Esempio: tebori, sak yant, ecc
  • Handpoke

In che parte del corpo fare il tatuaggio?

Tendenzialmente il primo fattore che dobbiamo tenere in considerazione è: “voglio che il mio tatuaggio sia visibile o che sia nascosto?”. Detto questo esistono altri elementi da valutare, come ad esempio il dolore. Dovete tenere a mente che seppur la soglia e la percezione del dolore siano diverse in ognuno di noi i punti vicino alle ossa o alle terminazioni nervose sono molto più sensibili di altre zone. Genericamente le parti del corpo dove tatuarsi provoca più dolore sono: tempie, stomaco, seno, costato, ascelle, inguine e piedi.
La scelta del soggetto da tatuarsi deve inoltre essere compatibile con lo spazio corporeo e va analizzata con il tatuatore.

Fa male il tatuaggio?

Come detto prima la soglia e la percezione del dolore è diversa in ognuno di noi, la controprova è facilmente riscontrabile nell’esperienza diretta di chi ha diversi tatuaggi, parlando della stesa zona del corpo alcuni ti diranno di aver sentito un dolore sopportabile mentre altri diranno di aver pianto. Sono tanti i fattori che contribuiscono alla dolorosità del tatuaggio: tipo di ago usato, zona del corpo, mano del tatuatore, grandezza del tatuaggio ecc.. Per quanto quindi l’esperienza sia soggettiva esistono delle zone che ha causa della vicinanza alle ossa od alla alta concentrazione di terminazioni nervose rendono il tatuaggio più doloroso, ne abbiamo parlato qui

Devo fare qualcosa prima di farmi il tatuaggio?

Non ci sono procedure da seguire prima di farsi tatuare, è importante però che la pelle sia idrata ed in buone condizioni in modo tale da garantire il corretto svolgimento del tatuaggio ed una buona guarigione. È inoltre fondamentale non assumere alcolici nelle ore precedenti al tatuaggio in quanto debilitano il nostro corpo disidratando la pelle e per la caratteristica dell’alcol di essere un vasodilatatore periferico, caratteristica che fa aumentare la quantità di sangue che circola sotto la pelle provocando così copiose perdite di liquido durante la realizzazione del tatuaggio.

Posso tatuarmi sopra cicatrici, nei e smagliature?

A differenza dei nei, che non possono essere toccati, esiste la possibilità di coprire smagliature e cicatrici. Devono esserci le condizioni adatte per poter tatuare questi inestetismi della pelle e sarà il tatuatore a doversi esprimere in merito alla fattibilità di un tatuaggio sopra queste zone.

So che esistono delle creme anestetizzanti, come funzionano?

Le creme attualmente usate per anestetizzare la pelle sono genericamente tutte a base di lidocaina e derivati. Una volta spalmate sulla pelle creano una pellicola più o meno sottile che anestetizza la pelle sottostante. Nell’ambito dei tatuaggi danno risultati che variano in base alla formulazione del prodotto, alla quantità usata ed alla zona nella quale vengono applicate; vengono normalmente usate mezz’ora prima di sottoporsi alla seduta in studio ed hanno effetto per un tempo variabile che va da i 30 ad i 60 minuti. A causa del loro principio attivo provocano un’ispessimento della cute che rende più difficoltosa l’introduzione dell’inchiostro da parte dell’ago e determina una maggiore difficoltà nella guarigione del tatuaggio.

La Guarigione

Un'aspetto fondamentale per te e per il tuo tatuaggio!

Quando il tatuaggio viene ultimato il tatuatore lo pulirà e sulla parte del corpo interessata applicherà una pellicola trasparente per evitare che batteri ed agenti esterni aderiscano alla pelle appena tatuata e penetrino quindi nella ferita. Da adesso inizia la fase di guarigione!
Questa fase è molto delicata perchè una corretta cura, e conseguentemente guarigione, del tuo tatuaggio sarà indispensabile per non rovinarlo e non rovinare la tua pelle con infezioni e infiammazioni. Ricorda che un tatuaggio malcurato guarirà male con conseguenze che possono intaccare la qualità del tatuaggio stesso ma anche quelle della tua pelle, quindi stai attento e segui la piccola guida step by step che abbiamo preparato qui sotto.

Ho appena finito di tatuarmi e la pelle è gonfia e arrossata, è normale?

Si, il tatuaggio è comunque stressante per la pelle e provoca una piccola infiammazione. L’ago, entrando fino allo strato del derma, crea una sorta di graffio nel quale penetra il colore. Per quanto sia un’operazione normale e spesso non dolorosa rappresenta comunque un piccolo trauma per la nostra pelle che reagisce all’infiammazione arrossando e gonfiandosi.

Sono appena uscito dallo studio, cosa faccio adesso?

Segui la nostra guida step by step:
Il tatuaggio ora dovrebbe essere protetto da uno strato di pellicola trasparente. Se vedi delle macchie non preoccuparti, è semplicemente l’eccesso di inchiostro che sta fuoriuscendo mischiato a qualche piccola perdita di sangue. 

  • Dovresti tenere la pellicola per 4/5 ore circa; non esiste una tempistica standard e varia in base alla tipologia ed estensione del tuo tatuaggio, in ogni caso sarà il tuo tatuatore ad indicartela. Durante questo periodo potresti notare un arrossamento della pelle e/o un lieve gonfiore(METTERE LINK A DOMANDA SU ARROSSAMENTO), non preoccuparti, è normale. 
  • Se ti stavi chiedendo “come lavo e pulisco il tatuaggio?” sei nel posto giusto!
    Passate le ore richieste dovresti togliere la pellicola. A questo punto dovresti lavare delicatamente il tatuaggio con acqua tiepida e il BALM TATTOO VEGAN GEL / BALM TATTOO CLASSIC GEL e farlo agire per 30/40 secondi circa. Il nostro sapone antibatterico è appositamente studiato per la pulizia del tatuaggio e per la rimozione di eventuali residui di sangue e/o inchiostro mantenendo inalterato il Ph della pelle.
    Non usare saponi normali o con profumi in quanto potrebbero alterare il Ph della pelle e risultare aggressivi, peggiorando così la cute nelle parti tatuate.
  • Una volta risciacquato il sapone tampona delicatamente il tatuaggio con un panno morbido e pulito e fai respirare la pelle qualche minuto.
  • Sotto consiglio del tatuatore potrebbe esserti richiesto il mantenimento della pellicola durante la prima notte. In questo caso tieni quella che ti è stata applicata in studio per le prime 4 ore, in seguito lava il tatuaggio come descritto nei due step precedenti ed infine copri nuovamente la pelle tatuata con nuova pellicola fino al mattino successivo. Ricorda che non va applicata crema mentre si usa la pellicola!
  • Adesso che la pelle è asciutta e pulita dai residui applica un piccolo strato di BALM TATTOO CLASSIC O BALM TATTOO VEGAN sul tatuaggio massaggiando delicatamente; è fondamentale che la quantità di crema non sia eccessiva affinchè venga assorbita nella maniera corretta e non soffochi la pelle. Grazie ai suoi componenti naturali ed all’alto contenuto di sostanze lipidiche emollienti, dexpantenolo e Sepitonic M3 BALM TATTOO CLASSIC garantisce il giusto apporto di nutrienti per la pelle e aiuta a prevenire infezioni superficiali. La sua formulazione è appositamente studiata per lenire la pelle e mantenere vividi i colori del tatuaggio.
  • La crema va messa 3 volte al giorno e sempre in piccole quantità, in modo tale da fare respirare la pelle e garantire il giusto assorbimento.
  • NON usare creme create per altri scopi. Spesso contengono pftalati, glicole e oli minerali che oltre a non fare respirare la pelle rendono più difficoltoso il processo di cicatrizzazione del tatuaggio. I profumi contenuti in esse irritano oltreutto la pelle ed influiscono sulla qualità del tatuaggio alterandone i colori e la relativa guarigione.
  • Usando i prodotti Balm Tattoo nella maniera descritta in 7/10 giorni il tuo tatuaggio dovrebbe essere del tutto guarito!

Di seguito ti riassumiamo una lista di elementi da evitare durante la guarigione del tatuaggio:

  • L’acqua di mare, a causa del sale che contiene e dello sporco disciolto compromette la guarigione.
  • La sabbia, è sporca e portatrice di batteri e si infiltra ovunque.
  • Piscine e Spa in genere, l’umidità non permette una corretta cicatrizzazione e favorisce il proliferare di batteri, il cloro e gli agenti chimici usati in questi ambienti sono molto aggressivi per il colore del tatuaggio e non dovrebbero andare a contatto con ferite aperte.
  • Sole, favorisce l’invecchiamento della pelle e tende a scolorire il tatuaggio.
  • Lampade solari, sono stressanti per la pelle e creano gli stessi problemi dell’esposizione al sole.

Il tatuaggio sta guarendo ma ci sono delle crosticine, devo toglierle?

NO, MAI, PER NESSUN MOTIVO! Seppur con l’utilizzo di BALM TATTOO CLASSICA / VEGANA si previene la formazione di crosticine queste possono comunque manifestarsi. Sono normali e verranno via da sole durante le fasi di lavaggio e col tempo, rimuoverle forzatamente altera il processo di cicatrizzazione e può danneggiare il colore del tatuaggio irrimediabilmente.

Il tatuaggio mi prude, che faccio?

Non grattare! Tieni presente che un po’ di prurito è normale, specialmente in estate. L’utilizzo di BALM TATTOO CLASSICA / VEGANA previene le irritazioni e la formazione di crosticine che contribuiscono alla sensazione di prurito. In ogni caso ricorda di toccare il tatuaggio sempre e solo dopo aver lavato le mani e di tenerlo riparato da polvere, sole ed agenti esterni. Se il prurito ti da così fastidio puoi lavarlo con il BALM TATTOO GEL / VEGAN GEL come descritto nei punti precedenti.

Quanto tempo ci metterà il tatuaggio a guarire?

Con le indicazioni che ti abbiamo dato e l’utilizzo di BALM TATTOO CLASSICA / VEGANA applicata durante la fase di guarigione tra i 7 e i 10 giorni.

“Posso lavarmi durante la fase di guarigione?”

Si certo!
Puoi (e devi) fare la doccia durante il periodo di cicatrizzazione. Stai solo attento a coprire il tatuaggio con una pellicola protettiva. Questo sia nel caso in cui tu faccia la doccia sia nel caso in cui optassi per il bagno in vasca. Dovresti in ogni caso evitare di immergere il tatuaggio completamente nell’acqua

“Posso andare in piscina mentre sta guarendo il tatuaggio?”

No, sarebbe meglio evitare, in quanto la piscina come ambiente è caratterizzato da:

  • cloro, che tende a sbiadire i colori del tatuaggio specialmente se la “ferita” è ancora aperta e non del tutto cicatrizzata
  • acqua, come detto nei punti precedenti in fase di guarigione il tatuaggio non deve essere immerso completamente nell’acqua
  • umidità, che oltre che favorire batteri e funghi impedisce la corretta cicatrizzazione della pelle
    se proprio non puoi farne a meno ricordati di proteggere il tatuaggio ed una volta terminata l’attività di lavarlo e disinfettarlo con BALM TATTOO GEL / VEGANO

“Posso andare al mare mentre sta guarendo il tatuaggio?”

No, sarebbe meglio evitare, in quanto il mare come ambiente è caratterizzato da:

  • sabbia, un’elemento sporco che porta con se polvere e batteri di ogni tipo e che grazie alle sue dimensioni si infila ovunque, anche nelle ferite aperte.
  • acqua marina, come detto precedentemente non bisogna immergere il tatuaggio in acqua durante la fase di guarigione, oltretutto il sale contenuto nell’acqua ostacola in maniera significativa la corretta cicatrizzazione della pelle e anche se non sembra contiene diversi tipi di batteri e micro organismi
  • sole, rappresenta uno dei nemici principali della pelle e dei tatuaggi, in quanto schiarisce fino a far scomparire in determinati casi il colore dell’inchiostro e scotta la pelle rovinandola, sopratutto in fase di cicatrizzazione.
  • Puoi trovare una spiegazione più dettagliata riguardo all’argomento qui,
    se proprio non puoi farne a meno ricordati di proteggere il tatuaggio ed una volta terminata l’attività di lavarlo e disinfettarlo con BALM TATTOO GEL / VEGANO

“I prodotti BALM TATTOO macchieranno i miei vestiti?”

No, a patto che tu segua le nostre indicazioni. I nostri prodotti sono composti da materie prime naturali, una corretta applicazione e quantità del prodotto evitano la comparsa di macchie sui vestiti.

“Che vestiti devo usare mentre il tatuaggio è in fase di guarigione?”

Preferibilmente vestiti non aderenti e composti da tessuti naturali come ad esempio cotone o lino; questo perchè hanno la particolarità di essere traspiranti, caratteristica fondamentale per il processo di guarigione della pelle.

“Ho la pelle sensibile e mi capita di avere problemi con prodotti cosmetici, posso ugualmente usare BALM TATTOO? ”

Balm Tattoo è prodotta da Delab, azienda leader nel mondo della dermatologia e della cosmesi. Tutti i nostri prodotti sono sviluppati seguendo i più rigidi standard farmaceutici e non contengono: pftalati, glicole propilenico, oli minerali, parabeni e profumi artificiali. Balm Tattoo ha da sempre posto l’attenzione sulla compatibilità dei suoi prodotti, per questo è prodotta con materie prime naturali, è vegan e cruelty free.

“Il tatuaggio è in una zona esposta e faccio un lavoro dove sono a contatto con lo sporco, che faccio?”

Mentre sta guarendo puoi coprirlo con indumenti, ma in caso ti fosse impossibile farlo puoi proteggere il tatuaggio con la pellicola trasparente. Ricordati però di non tenerla troppe ore consecutive, il tatuaggio per guarire ha bisogno di prendere aria. In caso il tatuaggio sia entrato a contatto con polvere o simil puoi lavarlo con BALM TATTOO GEL / VEGANO seguendo queste indicazioni

“ Ho fatto il tatuaggio ieri e oggi esce ancora sangue, è normale?”

Si, può capitare. In base al tipo di tatuaggio, pelle, zona ed estensione può succedere che anche dopo 24 o 48 ore dalla realizzazione si notino piccole tracce di sangue. In caso le perdite continuino nei giorni successivi rivolgiti al tuo tatuatore ma in ogni caso non preoccuparti, il più delle volte è dato da qualche piccolo strappo sulla pelle.

“Ci sono tracce d’inchiostro sulla pelle/vicino al tatuaggio, cosa faccio?”

È normale trovare residui quando si toglie la pellicola o mentre sta cicatrizzando il tatuaggio, questi altro non sono che piccole fuoriuscite di inchiostro mischiate a sangue e pelle morta; nelle prime 24/48 ore può capitare inoltre di macchiare lenzuola o indumenti con la fuoriuscita del colore. In ogni caso lava bene il tatuaggio e la zona che lo circonda con BALM TATTOO GEL / VEGANO seguendo queste indicazioni.

“Il tatuaggio è arrossato e gonfio, è normale?”

Si, nei primi giorni può capitare che succeda. È una normale reazione del corpo inseguito alla micro ferita del tatuaggio, se continua dopo 24/48 ore recati dal tuo tatuatore.

“Sul tatuaggio sono comparsi dei piccoli puntini rossi, che succede?”

Si tratta probabilmente di follicolite, una reazione della pelle. Spesso avviene quando si prende il sole sulla zona tatuata od in seguito ad agenti esterni che entrato in contatto con la ferita aperta, in ogni caso nulla di grave. Vai dal tuo tatuatore e fatti controllare!

“Il tatuaggio continua a spurgare pus ed è molto arrosato, cosa faccio?”

È probabile che si tratti di un’infezione, vai subito dal tuo tatuatore a farti controllare il tatuaggio!

Tatuaggi e Sole: rapporto scottante!

Impara come proteggere il tuo tatuaggio dal sole!

Quando il tatuaggio è stato appena eseguito è nella sua fase più delicata, da come guarirà e si rimarginerà la pelle dipenderà la resa futura del tatuaggio. Come vi abbiamo spiegato negli altri paragrafi per preservare la brillantezza ed i colori del vostro tatuaggio e garantirgli una resa ottimale nel tempo questo va curato e protetto da tutto ciò che può danneggiarlo.

Uno dei principali nemici del tatuaggio è il sole, ma niente paura, abbiamo il prodotto giusto per voi: Balm Tattoo Sublock 75+
Balm Tattoo Sublock 75+ è una crema solare con formula innovativa appositamente realizzata per la pelle tatuata, unisce infatti i principi nutrienti e curativi della linea Balm Tattoo ad una protezione solare 75+ che permette di proteteggere il vostro tatuaggio dai raggi UVA / UVB!

“Ho appena fatto un tatuaggio, posso stare al sole?”

Come detto sopra METTI LINK i raggi UV rappresentano uno dei più grandi nemici dei tatuaggi, questo perchè l’esposizione al sole disidrata e fa quindi perdere elasticità agli strati superficiali dell’epidermide, il che a sua volta porta al precoce scolorimento del tatuaggio, rendendolo opaco. Questo perchè i raggi solari svolgono un’ azione negativa sulle sostanze “cromofore” della pelle; quando vengono colpite dai raggi solari aumentano la melatonina facendoci avere un pelle più scura e abbronzata ma allo stesso tempo causano una diminuzione della presenza di emooglobina e collagene degli strati superciali, rendo quindi la cute opaca e “vecchia”.

Non per questo però dobbiamo rinunciare a goderci il sole, basta prendere qualche precauzione.

Balm Tattoo Sublock 75+ è stato creato appositamente per proteggere i vostri tatuaggi anche nelle situazioni più scottanti! Con i suoi filtri fotostabili per i raggi UVA / UVB permette l’esposizione della pelle tatuata al sole in totale sicurezza e grazie ai suoi componenti naturali combatte la disidratazione, causa dello “sbiancamento” del tatuaggio, e riequilibra il livello idrolipidico della pelle. Ricordati di spalmarlo abbondantemente sulla zona tatuata anche più volte durante la giornata, specialmente quando esci dall’acqua o se sudi molto.

“Ho appena fatto un tatuaggio, posso fare una lampada o doccia solare?”

Anche se i trattamenti estetici hanno durata più breve rispetto ad una normale esposizione solare, come in spiaggia ad esempio, va ricordato che i raggi UVA / UVB usati durante lampade / docce solari possiedono una maggiore e quindi più dannosa intensità. Sarebbe preferibile evitare questo tipo di trattamenti se il tatuaggio è stato appena fatto e nei successivi giorni e in ogni caso, come per l’esposizione al sole METTI LINK, la pelle tatuata va protetta con Balm Tattoo Sublock 75+.